Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy

Nuovo regole per la verifica delle autocertificazioni. Con la deliberazione n. 21, avente ad oggetto: “Approvazione del «Regolamento delle procedure di controllo delle dichiarazioni sostitutive dei requisiti generale, di merito ed economici, presentate dagli studenti universitari»“, il Consiglio ha approvato i criteri e le modalità organizzative afferenti alle attività di verifica sulle domande presentate dagli studenti universitari. Inoltre sono stati disciplinati i procedimenti amministrativi consequenziali e le relative fasi della notifica, dell’applicazione di eventuali sanzioni e del recupero dei crediti. E’ importante sottolineare che le domande per l’accesso ai servizi e agli interventi, corredate delle informazioni relative alle condizioni economiche e di merito, sono presentate dagli studenti avvalendosi della facoltà di autocertificazione ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. L’Agenzia è tenuta, in base a quanto indicato nel DPCM 9 aprile 2001, art. 4, commi 10 e 11, a controllare la veridicità delle autocertificazioni prodotte dagli studenti e, per gli aspetti relativi alla condizione economica, può avvalersi del metodo della verifica con controlli a campione, che interessano annualmente almeno il venti per cento degli studenti idonei a beneficiare dei servizi e degli interventi non destinati alla generalità degli studenti. Con questo regolamento viene altresì istituita una Commissione di Controllo, composta dai Responsabili del Procedimento, che si riunirà con cadenza almeno trimestrale.